Torna all'elenco

News

Crisi, turismo e vacanze: il camper salva l'estate degli italiani

mercoledì  13 luglio 2011

Secondo un'indagine dell'Adoc (Associazione per la difesa e l'orientamento dei consumatori) sará un'estate nera per il turismo: l'unico tipo di vacanza ancora sostenibile dalle famiglie é il plein air.

Solo il 20% degli italiani può ancora permettersi una vacanza dignitosa. É questa la drammatica sentenza dell'ente di difesa dei consumatori che dipinge un quadro nefasto per il 2011 sia per i turisti che per gli esercenti e gli operatori turistici.

Un rapida inanellata di numeri per dare l'idea della situazione:

- l'80% degli italiani NON andrà in vacanza: sarà già molto se potranno permettersi qualche weekend al mare o in città d'arte.
- di quei pochi che andranno in vacanza, solamente 6 su 10 realizzeranno più di una settimana: solo per l'1% di loro si può parlare di quasi un mese di villeggiatura.

La colpa del nefasto bilancio previsto per l'estate 2011 é da attribuire soprattutto ai rincari: si parla di un aumento medio di circa 200 € procapite rispetto al 2010.

A pesare sono gli aumenti folli dei traghetti (quasi il 70%), della benzina, dei treni e degli aerei. Ma persino i pacchetti vacanze All-Inclusive (storico baluardo del risparmio per le vacanze) hanno registrato un aumento medio dell'1,6%.

Ci sono agenzie e alberghi che prevedono per le famiglie sistemi di finanziamento e rateizzazione spalmanti lungo i 12 mesi dell'anno, ma questa soluzione si puó rilevare una sacrificio insostenibile, con tassi d'interesse che possono sfiorare il 24%. Senza contare che queste soluzione vanno ad aggiungersi agli altri indebitamenti delle famiglie italiane, esponendole sempre di piú ai rischi finanziari.


I veri vincitori dell'estate 2011 sono le soluzioni low-cost, (scelto dal 62% degli italiani) e il piacere della vacanza in libertá

Per quest'anno il settore dei camper ha registrato una nuova crescita e si parla di 14mila compra-vendite, arrivando ad un totale di quasi 700mila mezzi in circolazione.
A confermare il trend positivo ci pensano i campeggi che hanno attestato un aumento del 2% delle prenotazioni


fonte: Adoc
Janhara.com